Archivio mensile febbraio 2018

MASSAGGIO AGLI ARTI INFERIORI

 

 

Si effettua con il paziente in posizione supina e prona.

SUPINAsi inizia con lo sfioramento del piede (se il cliente non é solleticoso); quindi andiamo a sfiorare la gamba con le nocche delle mani ed ancora la rotula del ginocchio.
Dopodiché, con i palmi delle mani, sfioriamo il femore fino ad arrivare alla zona dell’inguine: quando la mano sopra il femore aumenta la pressione, l’altra mano sfiora SEMPRE la parte interna.

L’impastamento non si effettua sulla gamba, ma solo sul femore e la sua parte interna; si può effettuare l’impastamento classico con il pollice di una mano e l’indice (o le dita) dell’altra mano, ma i muscoli interessati sono tre e si impiegherebbe più tempo; allora si procede avvolgendo la rotula con le mani e, dirigendoci verso l’inguine, i pollici scorrono per un breve tratto, mentre le altre dita raccolgono il muscolo fino alla zona inguinale.

Terminata questa fase, possiamo flettere la gamba, appoggiarla al nostro addome ed eseguire l’impastamento classico lungo la parte interna del femore stesso.

Terminiamo il massaggio con lo sfioramento degli arti con entrambe le mani (dal piede alla zona inguinale): dapprima con maggiore pressione, fino a terminare con lo sfioramento: quindi, faremo girare il paziente.

Non si applica la FRIZIONE.

PRONA: lo sfioramento inizia dal tendine di Achille per tutta la zona del polpaccio, con le mani che lo “abbracciano”; andremo a sfiorare la zona del cavo popliteo, per continuare a sfiorare la zona del bicipite femorale (una mano passerà sopra il bicipite femorale stesso, mentre l’altra percorrerà la zona esterna) fino alla zona del gluteo.

L’impastamento si esegue dalla caviglia a tutto il femore, con la stessa tecnica della posizione supina (i pollici scorrono per un breve tratto, mentre le altre dita raccolgono il muscolo), esclusa sempre la zona poplitea; il gluteo si impasta con le mani che lo abbracciano in due momenti: lungo la direzione del massaggio prima e ruotando le mani in direzione ortogonale, all’interno del gluteo, poi.

La parte esterna del femore va SEMPRE e solo sfiorata.Come per le altre tecniche, si termina il massaggio con lo sfioramento: con le mani su entrambe le gambe (sempre dalla caviglia alla zona del gluteo), con maggiore pressione prima, diminuendola via via fino a concludere sfiorando alcune volte la pelle.

IL TUO BENESSERE…E’ NELLE MIE MANI!!

 

…PER IL MESE DI MARZO (e non solo)…!!


 

 

 

  • Dopo le tante richieste ed i numerosi clienti che hanno sfruttato la promo del mese di Febbraio, a Marzo continua il 2 x 1 nelle palestre LA VINCI di FabrianoGubbio e presso il mio studio.

  • Nelle palestre suddette, inoltre, continua la promo vantaggiosissima per tutto l’anno 2018: ebbene sì!! Pagando un abbonamento annuale di SOLI 20 euro, avrai modo di sfruttare alcune tipologie di massaggi a prezzi veramente interessanti.

Prendi informazioni e/o prenota adesso, nella sezione CONTATTI,  l’opportunità di ricevere anche tu 2 massaggi al prezzo di uno e/o acquistare la promo: sono offerte da non perdere, anche perché non so fino a quando sarà possibile sfruttarle.

 

IL TUO BENESSERE…E’ NELLE  MIE MANI!!

 

COSA OFFRO…

 

 

 

 

  • Visite GRATUITE

  • Massaggi nelle palestre con le quali collaboro (LA VINCI di Fabriano e Gubbio)

  • Massaggi nel proprio studio

  • Massaggi presso l’agriturismo CASA RASTIA di 62024 Matelica -MC- (Fraz. Rastia), con cui collaboro

  • Promo interessanti

  • La possibilità di recarmi dal cliente

  • Prezzi altamente competitivi

  • Esperienza quasi ventennale nel settore

  • Varie tipologie di massaggi:

               Curativi (cervicale, schiena, sciatalgia, stitichezza, epicondilite)

               Rilassanti (viso, schiena, arti)

               Sportivi (defaticante e decontratturante)

               Estetici (anticellulite e linfodrenaggio)

               Riflessologia plantare

Per informazioni e/o prenotazioni, compila il modulo nella sezione CONTATTI: avrò il piacere di rispondere alle tue domande e/o fissare un appuntamento.

 

IL TUO BENESSERE…É NELLE MIE MANI!!

MASSAGGIO ALLA CERVICALE

Oggi tratteremo il massaggio alla cervicale.

Far fare al paziente 3 respirazioni profonde per portarlo in stato di rilassamento.

Il massaggio alla zona cervicale va eseguito con il paziente seduto su una sedia, con la schiena dritta se ha disturbi alla zona cervicale e sulle vertebre, oppure con la fronte appoggiata sulle mani sopra il lettino (o tavolo). Sempre con movimento alternato, la mano poggia sulla parte dx del collo e si dirige verso il trapezio effettuando lo sfioramento e così dalla parte sx (con la mano sx), prima leggermente poi con pressione un pò più energica (vaso-dilatazione); ATTENZIONE: il massaggio va praticato con il palmo e con il pollice (non con le dita della mano, che invece sfiorano la carotide e l’interno collo).

Dopo lo sfioramento si effettua la frizione con la punta dei pollici, partendo da sotto il cervelletto, scendendo lungo le parti esterne della colonna vertebrale, arrivando fin sotto le scapole; nel secondo passaggio si parte da una posizione un pò più esterna sempre fino alle scapole, per finire questa fase con le quattro dita (tranne il pollice) che frizionano tutta la scapola; nel terzo passaggio, le quattro dita (non il pollice) frizionano l’esterno collo, continuando sopra il trapezio e terminando sopra le spalle. L’impastamento si esegue con il pollice di una mano e l’indice dell’altra (vista la piccola zona da trattare) facendo lo stesso “percorso” della frizione…sempre molto lentamente!!

Si termina il massaggio con lo sfioramento: prima più energico, alla fine sfiorando la pelle del massaggiato.

 

IL TUO BENESSERE…É NELLE MIE MANI!!

MASSAGGIO ALLA SCHIENA

Oggi parleremo del massaggio alla schiena.

La Schiena (per macro aree) é divisa in: MUSCOLI PARAVERTEBRALI, che sono i muscoli prossimi alla colonna vertebrale e vanno dalla zona lombare alla zona cervicale: mano a mano che si sale verso la testa, si fanno sempre più sottili; il GRAN DORSALE, che occupa la parte esterna della schiena: dalla sua metà fino all’altezza delle scapole; le fibre del gran dorsale seguono le costole verso l’esterno; il TRAPEZIO, che é situato sotto la cervicale e segna la zona scapolare.

Nel massaggio rilassante-curativo si inizia SEMPRE con lo SFIORAMENTO, che prepara la schiena alle altre due tecniche, che sono: FRIZIONE ed IMPASTAMENTO.

Quando si massaggia la schiena é bene ricordare che:

  • La direzione del massaggio deve essere SEMPRE verso il cuore, partendo dalla zona lombare verso la zona cervicale: questo permetterà un ritorno migliore della circolazione sanguigna.

  • Durante il massaggio é preferibile avere SEMPRE il contatto con il paziente.

  • Il movimento delle mani deve essere molto lento: nel massaggio non esiste il troppo lento, semmai il troppo veloce…che non é una buona condizione per rilassare: l’obiettivo da raggiungere é la vaso-dilatazione della parte da trattare.

  • Nelle zone dolorose ci soffermiamo qualche secondo in più.

  • Il massaggio termina SEMPRE con lo sfioramento; dapprima con maggiore pressione, infine con lo sfioramento della pelle. Far attendere il paziente 2/3 minuti prima di scendere dal lettino (possibilità di capogiro da sopimento/rilassamento).

  • Per il massaggio é bene utilizzare dell’olio. La funzione dell’olio é esclusivamente quella di far scivolare meglio la mano sulla parte da massaggiare.

  • In caso di lordosi si applica un cuscino sotto la pancia o sotto le caviglie (se i piedi non sporgono dal lettino).

IL TUO BENESSERE…É NELLE MIE MANI!!

OPERATORE DEL BENESSERE

 

Marco Bernardi:
massoterapista e allenatore mentale

 

Certificatosi nel 2001 come massoterapista, ha un’esperienza quasi ventennale nel campo dei massaggi.

Collabora con le palestre LA VINCI di Fabriano, praticando la sua attività nel proprio studio di residenza. Le tecniche di massaggio praticate, sono:

  • rilassante (viso, schiena, arti);

  • curativo (cervicale, schiena, lombare, sciatalgia, stitichezza, epicondilite, riflessologia plantare);

  • sportivo (decontratturante e defaticante);

  • estetico (linfodrenaggio e anticellulite).

L’Attività di coaching migliora le prestazioni della persona, lavorando sulle proprie potenzialità ed interferenze (interne ed esterne), attraverso un percorso testato e preciso.

Padre di Jari, José e Marisol, vive a Sassoferrato (AN) insieme alla sua compagna Katiuscia.

 

IL TUO BENESSERE…É NELLE MIE MANI!!